home > News > La patente a crediti è in Gazzetta Ufficiale

La patente a crediti è in Gazzetta Ufficiale

06maggio2024

Il 30 aprile 2024 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge 29 aprile 2024, n. 56 di conversione in legge del decreto-Legge 2 marzo 2024 n. 19 “Ulteriori disposizioni urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)”.

Al suo interno è contenuto il cosiddetto pacchetto sicurezza sul lavoro relativo ai tre articoli del Capo VIII “Disposizioni urgenti in materia di lavoro”:

  • disposizioni in materia di prevenzione e contrasto del lavoro irregolare (articolo 29), in cui si riscrive l’articolo 27 del D.Lgs. 81/08 sul sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi;
  • misure per il rafforzamento dell'attività di accertamento e di contrasto delle violazioni in ambito contributivo (articolo 30);
  • ulteriori disposizioni urgenti in materia di lavoro (articolo 31).

In particolare, la nuova formulazione dell’art. 27 del D.Lgs. 81/2008 introduce la cosiddetta patente a crediti delle imprese e dei lavoratori autonomi che operano nei cantieri temporanei e mobili che, a decorrere dal 1° ottobre 2024, sono tenuti al possesso di una patente a crediti/punti.

A decorrere dal 1° ottobre 2024 sono tenuti al possesso della patente “le imprese e i lavoratori autonomi che operano nei cantieri temporanei o mobili di cui all’articolo 89, comma 1, lettera a), ad esclusione di coloro che effettuano mere forniture o prestazioni di natura intellettuale”. La patente è rilasciata, in formato digitale, dall'Ispettorato nazionale del lavoro subordinatamente al possesso dei seguenti requisiti:

  1. iscrizione alla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura;
  2. adempimento, da parte dei datori di lavoro, dei dirigenti, dei preposti, dei lavoratori autonomi e dei prestatori di lavoro, degli obblighi formativi previsti dal presente decreto;
  3. possesso del documento unico di regolarità contributiva in corso di validità;
  4. possesso del documento di valutazione dei rischi, nei casi previsti dalla normativa vigente;
  5. possesso della certificazione di regolarità fiscale, di cui all’articolo 17 -bis , commi 5 e 6, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, nei casi previsti dalla normativa vigente;
  6. avvenuta designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, nei casi previsti dalla normativa vigente.

Il possesso dei requisiti di cui al comma 1 è autocertificato secondo le disposizioni del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. Nelle more del rilascio della patente è comunque consentito lo svolgimento delle attività di cui al comma 1, salva diversa comunicazione notificata dall'Ispettorato nazionale del lavoro.

La patente è dotata di un punteggio iniziale di trenta crediti e consente ai soggetti di cui al comma 1 di operare nei cantieri temporanei o mobili di cui all'articolo 89, comma 1, lettera a), con una dotazione pari o superiore a quindici crediti. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, sentito l'Ispettorato nazionale del lavoro, sono individuati i criteri di attribuzione di crediti ulteriori rispetto al punteggio iniziale nonché le modalità di recupero dei crediti decurtati.

Il punteggio della patente “subisce le decurtazioni correlate alle risultanze dei provvedimenti definitivi emanati nei confronti dei datori di lavoro, dirigenti e preposti delle imprese o dei lavoratori autonomi, nei casi e nelle misure indicati nell'allegato I-bis annesso al presente decreto. Se nell'ambito del medesimo accertamento ispettivo sono contestate più violazioni tra quelle indicate nel citato allegato I-bis, i crediti sono decurtati in misura non eccedente il doppio di quella prevista per la violazione più grave”.

Qui di seguito si riportano alcune delle fattispecie di violazioni che comportano la decurtazione dei crediti dalla patente di cui all’articolo 27:

  • Omessa elaborazione del documento di valutazione dei rischi: 5
  • Omessa elaborazione del Piano di emergenza ed evacuazione: 3
  • Omessi formazione e addestramento: 2
  • Omessa costituzione del servizio di prevenzione e protezione o nomina del relativo responsabile: 3
  • Omessa elaborazione del piano operativo di sicurezza: 3
  • Omessa fornitura del dispositivo di protezione individuale contro le cadute dall’alto: 2
  • Mancanza di protezioni verso il vuoto: 3
  • Mancata installazione delle armature di sostegno, fatte salve le prescrizioni desumibili dalla relazione tecnica sulla consistenza del terreno: 2
  • Lavori in prossimità di linee elettriche in assenza di disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischi: 2
  • Omessa formazione dei lavoratori che operano in ambienti confinati o sospetti di inquinamento ai sensi del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 14 settembre 2011, n. 177: 1

 

 

 

 

Sicurezza

Ambiente